Dreamers

Dreamers

Bebè in arrivo? Qualche consiglio per la cameretta!

ArredamentoPosted by Mobilificio della Brianza Mon, March 13, 2017 12:39:26
Le splendide giornate di sole sono ormai parte della nostra quotidianità e, con l'arrivo della primavera, arriva anche un modo diverso di vivere la giornata.
Sarà la gioia di svegliarsi col sole, sarà il tepore dei primi raggi o la sera che tarda ad arrivare che si è tutti più felici.
Motivo per il quale, questo periodo, è il preferito per i matrimoni. D'altrone uno dei giorni più belli della nostra vita dev'essere indimenticabile, a partire dal clima.

Di conseguenza si inizia a prepararsi all'arrivo di un bebè, si scelgono i colori della cameretta, i primi arredi, la culla ed i giochini.

Maschietto o femminuccia?
Pareti azzurre, rosa o neutre?
Illuminazioni calde o fredde?
Se poi arriva un fratellino o una sorellina?

Personalmente preferisco suggerire di scegliere un colore tenue per la stanza, magari un bel panna, abbinando delle luci calde, che trasmettano accoglienza.
Eviterei, inoltre, di optare per i classici toni azzurri e rosa per la mobilia, prediligendo delle tonalità pastello come il giallo o il rosso.
Il lettino, invece, rigorosamente azzurro (se maschietto) o rosa (se femminuccia). Anche nel caso di doverli inserire entrambi avremo un effetto spettacolare, introducendo anche degli elementi grigi per gli arredi ed un pavimento in parquet non troppo scuro.

Ecco una breve gallery con qualche soluzione:






  • Comments(0)//dreamers.mobilificiodellabrianza.com/#post9

Manuale di sopravvivenza: cosa aspettarsi dalla convivenza.

LifestylePosted by Mobilificio della Brianza Tue, February 14, 2017 13:57:43
Un giorno, rientrando a casa dal lavoro, magari dopo una lunga e difficile giornata, aprendo la porta inciampi e, nel migliore dei casi, non ti rompi il femore. Naturalmente ti chiedi come mai hai un paio di Casadei all'ingresso del tuo appartamento e pensi di aver esagerato con quell'aperitivo dopo il calcetto con gli amici.

Vai in bagno e, di fianco alla carta igienica, non c'è più l'ultimo numero di Quattroruote ma ti ritrovi a leggere Vogue. Allora, in preda al panico, ti butti sull'etichetta del tuo amatissimo e comodissimo doccia-shampoo e l'ansia aumenta, perché di colpo i prodotti della doccia si sono quintuplicati e trovi flaconi di cui manco conoscevi l'esistenza, come il balsamo o la schiuma per capelli! (Chi usa mai il balsamo...).

Il tuo salotto in un nanosecondo non è più la Curva Nord ma somiglia a un tempio zen da quante candele e portacandele trovi e, al posto dei poster di Boninsegna e Mazzola, ti ritrovi delle scritte sdolcinate appese sul muro o, nel migliore dei casi, delle stampe raffiguranti qualche famosa Skyline.


Non parliamo della cucina. Apri la dispensa e la tua scorta di sopravvivenza in caso di guerra formata da Budweiser e patatine fritte è sparita e sono comparse casse di acqua Vitasnella e scatolette di tonno light o verdurine sottovuoto. Appena terminato il tuo pianto e ridotto un pochino l'ansia da separazione verso la tua birra, inizierai a correre verso il tuo rifugio, il giardino. Il tuo barbecue adesso è in un angolino, stretto stretto, come fosse depresso e, al suo posto, vi è un enorme stendino colmo di abiti di Zara.
Adesso sei disperato, lo so...ma non hai ancora realizzato di non avere più i tuoi dvd action-thriller e di non poter più vedere serie tv come Narcos o Breaking Bad, essendo bloccato in un loop tra Grey's Anatomy e Sex and the city.

Tranquillo...non sei nel tuo incubo peggiore, hai solo accettato di andare a convivere con la tua compagna, probabilmente dopo una bella sbronza.


Ci sono anche aspetti positivi, ad esempio potresti ritrovarti, solo se sei molto fortunato, con le camicie stirate e profumate come non mai, oppure avere sempre un nodo perfetto alla cravatta. Magari inizierai a mangiare cibi salutari...no, questo non è molto allettante.
Forse rinuncerai alle macchie di pizza ma avrai il letto sempre fatto, non dovrai più subire i lunghi discorsi incentrati sul fatto che hai un'età in cui devi "sistemarti" di tua madre e scoprirete che vedere la vostra dolce metà struccata, di prima mattina, è più divertente di qualsiasi film horror.
Quindi rilassatevi e state tranquilli...almeno fino a quando non vi obbligherà a vendere la moto e cambiare la Porsche per una nuova monovolume.



  • Comments(0)//dreamers.mobilificiodellabrianza.com/#post8

HomeAway, la propria casa in ogni parte del mondo.

LifestylePosted by Mobilificio della Brianza Thu, February 09, 2017 19:12:54
Da giovani tutti sogniamo una casa. Chi si proietta in una villetta con un bel giardino davanti, chi in una lussuosa villa con piscina, chi in un attico in città con solarium, chi in una cascina ristrutturata per stare in mezzo al verde e chi, invece, in un bel residence dotato di ogni comfort.



Da grandi, poi, sogniamo di trasferirci in un'abitazione più bella e più grande di quella che abbiamo e da vecchi...beh, da vecchi ci basta non finire in un ospizio!

Ecco, ora che vi siete proiettati nella casa dei vostri sogni provate a chiudere gli occhi ed immaginare di avere un immobile in ogni parte del mondo, a vostra disposizione quando e come volete, pronto per la settimana bianca, per i quindici giorni d'agosto o per un bel weekend lungo. Non solo. Siete all'estero per un viaggio di lavoro, ipotizziamo a Miami...ecco anche li avete un bel loft che vi attende. Dovete solo sceglierlo.

Si, bello - direte voi - adesso fammi tornare con i piedi per terra e lasciami finire di lavare i piatti che ho la lavastoviglie rotta...poi figurati, sarebbe impossibile quello che dici...

Sbagliato! È possibilissimo e grazie ad un App: HomeAway.



Praticamente un portale dove chiunque può registrare il proprio immobile (ma anche il proprio yacht) e metterlo quando e come si vuole a disposizione degli altri.

L'utente, poi, si troverà davanti a più scelte. Possiamo cercare la nostra casa all'estero tramite una ricerca per paesi, ma anche per categorie di abitazione (ci sono perfino i castelli!) o secondo i numerosi filtri messi a disposizione dagli sviluppatori.

I prezzi? Di tutti i tipi, da davvero pochissimi euro a notte fino a oltre 8.000 euro per un intera reggia quattrocentesca. Fantastico.

Adesso corro a scegliere un bel loft per San Valentino, magari con vista sulla Tour Eiffel.

E voi l'avete già provato?







  • Comments(0)//dreamers.mobilificiodellabrianza.com/#post7

Emergenza macchie sul divano: tranquilli, potete rimuoverle in tutta facilità!

LifestylePosted by Mobilificio della Brianza Mon, February 06, 2017 11:27:34
È ormai già da un paio di giorni che piove e stamattina, come ogni giorno, ho portato il cane a fare una passeggiata.

Si sa, i nostri amici a quattro zampe non amano più di tanto il mal tempo e, tra una corsa e l'altra, si è riempito le zampe di fango.

Solitamente, prima di entrare dal portone, riesco a pulirlo. Stamattina no. Spaventato, forse da un tuono, forse dall'omino dell'immondizia, mi è scappato e si è catapultato in casa, saltando proprio sul divano e riempiendolo di poco simpatiche impronte fangose.

Così, dopo aver ripulito per bene cane e salotto, mi è venuto in mente di condividere con voi dei piccoli consigli per riportare a nuovo il vostro divano, in caso di "piccoli" incidenti domestici.



In primis, qualunque sia il materiale di cui è rivestito, è bene eliminare polvere, acari, briciole, peli di animali e ogni residuo accumulato tra i cuscini. Per ciò consiglio di arieggiare i cuscini almeno una volta a settimana, per passare bene l'aspirapolvere in tutti gli angoli (e ritrovare vari oggetti dispersi).

Procediamo quindi a vedere come trattare al meglio i vari tessuti.

Se il divano è sfoderatile la pulizia è piuttosto semplice, basta solamente lavare le fodere secondo le istruzioni riportate sulle etichette, prestando molta attenzione alla temperatura, onde evitare di ritrovarsi una fodera più adatta alla casetta delle bambole che alla vostra.
Per eliminare le macchie il sapone di Marsiglia è ottimo, così come l'aceto o la candeggina delicata e, per quelle più difficili, come l'inchiostro, si può tamponare con un panno imbevuto nell'alcool e tenendone un'altro asciutto sotto il tessuto.





Se il divano non è sfoderatile bisogna essere più tempestivi per non far si che la macchia si fissi. Potete usare dello shampoo a secco che, dopo qualche minuto di posa, andrete a rimuovere con una spazzola.
Se avete animali in casa fate attenzione poi a non utilizzare candeggina, poiché li attira a rifarla in quel punto. Di gran lunga migliore è una miscela di acqua e aceto (un bicchiere di aceto per litro d'acqua), magari aggiungendo qualche goccia di eucalipto per ottenere un profumo fresco e rimuovere eventuali cattivi odori.

Se il divano è in velluto, neve, potrete affidarvi ad un composto di acqua fredda ed ammoniaca (2 cucchiai per litro d'acqua) da tamponare con uno straccio.
Ah, tamponate sempre il velluto nel verso corretto!





Se invece bisogna ripulire un rivestimento in pelle o cuoio dovrete usare un prodotto specifico che trovate tranquillamente anche al supermercato ma, se non ne avete uno a disposizione, è bene provvedere a passare del latte detergente con un panno chiaro, facendo dei movimenti circolari. Se la macchia è ostinata potete usare sempre il sapone di Marsiglia, da nutrire poi con il latte detergente.

Se avete un prodotto in rattan si può pulire con un pennello imbevuto di acqua tiepida e sapone neutro oppure acqua sale.
Se si è ingiallito e desiderate riportarlo ad un tono più bianco potete creare una soluzione di acqua e acqua ossigenata (1 bicchiere per litro d'acqua) senza risciacquare.

Spero che queste piccole dritte vi possano tornare utili!







  • Comments(0)//dreamers.mobilificiodellabrianza.com/#post6

Il cuore della casa, la cucina.

ArredamentoPosted by Mobilificio della Brianza Sun, February 05, 2017 19:38:02
La cucina. Il cuore della nostra abitazione, il luogo in cui trascorriamo magici momenti insieme alle nostre famiglie e ai nostri amici.
Infatti, secondo recenti studi, la ristrutturazione della cucina può portare ad uno stile di vita più salutare. Come?

Semplice, le nuove cucine sembrano regalarci lo spazio ideale per invitare gli amici più spesso, dedicandosi alla preparazione dei pasti e trascorrendo maggior tempo con la propria famiglia. Inoltre, sempre più spesso, si abbandonano i pranzi e le cene nei fast-food, nei ristoranti, nei bar o nelle pizzerie, in favore di un più "healthy" menù casalingo.




Tutto ciò viene confermato poi dal 73% degli intervistati che hanno cambiato la propria cucina negli scorsi 12 mesi, affermando inoltre che il 98% cucina in casa 6 giorni su 7 grazie alla recente ristrutturazione.

Quindi, oltre che regalarci momenti magici, la nostra cucina ci regala uno stile di vita più sano, un notevole risparmio economico (derivante dal sempre meno frequente consumo di cibo nei locali) e più tempo da condividere a casa, con amici e parenti.

Ora non ci rimane che fare un focus sui trend del momento, riguardanti lo stile e l'arredo delle nostre future cucine.
Infatti quelle moderne sono al primo posto, a susseguirsi poi quelle industrial, mentre, sul gradino più basso del podio, troviamo quelle rustiche/scandinave.
I colori più in voga sono il bianco per il mobilio (40%), il grigio per le superfici e i pavimenti (29%) e l'acciaio inox per gli elettrodomestici (59%).
L'83% degli intervistati, inoltre, ha dichiarato di essersi affidato alla tecnologia, abbracciando display hi-tech, funzioni wireless per il controllo remoto da smartphone e materiali di ultima generazione per la composizione dei piani cottura e delle dispense, oltre che per elettrodomestici e gruppi rubinetteria.


Veniamo infine a una questione di non meno importanza: il budget.

"Si, bella la cucina nuova, moderna ed hi-tech...ma quanto mi costa?"

Rivolgendosi ad esperti del settore ed abbandonando le soluzioni dei grandi magazzini si ha un risparmio notevole, sia nel lungo periodo che nel breve.
Nel lungo periodo poiché optando per un prodotto di alta qualità avremo una durata della nostra cucina di gran lunga superiore a quelle prodotte con materiali scadenti ed in serie.
Nel breve periodo poiché, non essendo vittime delle intensive operazioni di marketing e pubblicità non dovremo andare nemmeno a pagarle, che, infatti, incidono per il 90% dei costi dei prodotti di brand e catene multinazionali.

Provare per credere. Un preventivo è sempre gratuito.



  • Comments(0)//dreamers.mobilificiodellabrianza.com/#post5

Un assaggio di primavera

LifestylePosted by Mobilificio della Brianza Sat, February 04, 2017 14:07:52
È passato ormai quasi un mese da quando siamo rientrati dalle vacanze e siamo tornati alla nostra quotidianità, ai nostri lavori.
C'è chi ha iniziato l'anno nuovo sulle piste da sci, chi invece sdraiato sotto al sole in qualche spiaggia esotica o chi, invece, è rimasto in città con i propri cari.
Ormai siamo a febbraio e, tra poco più di un mese, ci ritroveremo in primavera.
Inizieremo a cambiare i profumi delle nostre Yankee Candle, passando a fragranze come Sea Salt & Sage, Riviera Escape, Peony o Sunset Breeze, che ci accompagneranno fino all'inizio dell'estate.
Cambieremo anche le tovaglie con le quali abbiamo imbastito i grandi pasti delle feste, passando dai toni dal bianco, dell'oro o del bordeaux in favore di più sbarazzini temi floreali, dal color capri o sui vari toni del verde, abbracciando menù più leggeri, ricchi di frutta, verdura, pesce e sughi dai sapori più delicati.
Vivremo, poi, anche i nostri giardini, i nostri terrazzi e le nostre verande, pronte a bellissimi aperitivi con gli amici. Per quanto riguarda gli spazi esterni il vimini regna ancora sovrano, un classico che sembra non aver mai fine e che, personalmente, trovo fantastico da abbinare con dei legni grezzi o dell'OSB.
Bellissime da utilizzare nelle serate più fresche le stufe a pellet, se si dispone di un veranda, per vivere in mezzo al verde sin dai primi di marzo.
Una nota di merito va ai modelli Nordica Iside Idro (visibile in foto) e la Extraflame Souvenire Lux (rispettivamente €5.000 e €2.200), oppure la più economica Palladio Islanda da circa €850,00.





  • Comments(0)//dreamers.mobilificiodellabrianza.com/#post4

Materassi e altre conseguenze

LifestylePosted by Mobilificio della Brianza Sat, January 28, 2017 17:26:08
Dormire almeno sei/otto ore per notte, praticare attività sportiva quotidiana e abbracciare un'alimentazione sana sono le principali linee guida per avere uno stile di vita equilibrato, sentirsi in forma e stare meglio con se stessi, sia a livello fisico che mentale.

Molti ignorano però l'importanza di eseguire tutte queste accortezze con le giuste attenzioni, infatti se la maggior parte delle persone riversano una maggiore cura verso il monitoraggio dei propri sport, con i vari personal trainer, i nuovi dispositivi elettronici o app per il monitoraggio e verso l'alimentazione, grazie a dietisti e libri o blog di cucina "healthy" sono veramente pochi coloro che dedicano le giuste attenzioni alla qualità delle proprie ore di sonno.

Il materasso in tutto ciò gioca un ruolo fondamentale, è un pò come l'allenatore per una squadra di calcio. Come Ranieri per il Leicester.




Dormire su un "letto" sbagliato può portare gravi conseguenze a livello fisico, oltre che un riposo mai soddisfacente.

Quante volte vi siete svegliati e avete pensato "questa notte ho proprio dormito male..." e avete puntato il dito contro la cena della sera prima, la luce della sveglia o del cellulare, quell'auto che passava veloce sotto la vostra finestra o la televisione del vicino ad alto volume?
Ecco, queste sono spesso scusanti che attribuiamo alla cattiva scelta del nostro materasso.

Sappiate che tutto ciò può provocare allergie agli acari, lordosi, emicranie, cefalee, ernie, accumuli di batteri e addirittura occlusioni dentali. Per ciò valuto come indispensabile una corretta analisi prima di procedere all'acquisto del proprio "compagno" di sonni.

Le tipologie di materassi sono molte, ma potremmo essenzialmente dividerle in cinque macro-divisioni:

- Il Memory, ovvero quello studiato per adattarsi alla nostra struttura corporea, ideale per chi soffre di problemi legati alla schiena.

- Il Lattice, perfetto per chi soffre di problemi allergici e per chi dei batteri proprio non ne vuole sentire nemmeno parlare. Piace ai batteri quanto il Raid piace alle formiche.

- A molle indipendenti, per avere una struttura più stabile all'interno del proprio materasso, garantendo un maggiore supporto per il proprio corpo.

- A molle tradizionali, il classico materasso che unisce rigidità ed elaticità, va bene un pò per ognuno di noi, è come le patatine fritte...piacciono a tutti (ma non le possiamo mangiare ogni giorno, altrimenti la gastrite si fa sentire...)! Personalmente lo consiglio per le camere degli ospiti, abbastanza comodo per qualche notte e ancor di più per il nostro portafogli.

- Quelli con materiali particolari, come i materassi ad acqua...molto belli da vedere, poco per dormire.




Dovendo scegliere un materasso sarei più orientato verso un materasso a molle, con uno strato di Memory in superficie ed uno strato di Geocell (materiale anatomico e traspirante) sul fondo. In ogni caso, in primis, va valutata la qualità del prodotto. Difficilmente un materasso di ottima fattura vi causerà problemi.

Inoltre, come ad un bell'abito vanno abbinate delle belle scarpe, anche nella scelta del proprio letto non va tralasciata l'importanza del giusto guanciale.
Nel prossimo articolo andremo a parlare, infatti, del cuscino ideale per ognuno di noi.

E voi, su che materasso dormite?



Vi ringrazio e vi auguro un buon weekend!

















  • Comments(0)//dreamers.mobilificiodellabrianza.com/#post3

Il salotto perfetto

ArredamentoPosted by Mobilificio della Brianza Fri, January 27, 2017 14:33:18
Come scegliere il divano realizzato ad-hoc per le nostre comodità?
in primis la profondità della seduta deve essere in proporzione all'altezza delle nostre gambe e lo schienale che avvolge il nostro busto e sostiene la zona lombare è essenziale per evitare danni fisici irreversibili.

Per quanto concerne l'altezza del nostro divano è d'obbligo che sia sufficientemente alta per supportare la zona cervicale.
Queste sono le linee guida che ogni Designer deve far proprie per realizzare il modello che andrà poi scelto dall'utilizzatore finale.
La tecnologia, poi, ha fatto enormi passi avanti, andando ad aiutare le sedute grazie ad innovativi sistemi di Relax, garantendo il miglior confort e un benessere senza eguali.

Se poi il nostro divano è un prodotto artigianale di massima fattura e realizzato a mano con cura, dedizione e qualità, utilizzando tessuti e pelle selezionati con grande accuratezza siamo arrivati alla realizzazione del nostro prodotto preferito, personalizzato e irrinunciabile, oltreché irresistibile.







  • Comments(0)//dreamers.mobilificiodellabrianza.com/#post2
Next »